Quale sarà il tema del Carnevale di Venezia di quest’anno?

I temi e le maschere del Carnevale dall’anno della sua rinascita, alla fine degli anni Settanta, hanno frequentemente riguardato Il Viaggio, l’incontro di Culture diverse in una sorta di zona franca come può essere considerata la città di Venezia.

Nel 1982 un gemellaggio con la città di Napoli porta all’incontro tra Pulcinella e Arlecchino, le due maschere della Commedia dell’Arte, che esasperano facendo diventare maschera, il carattere del veneziano e quello del napoletano.

Nel 1984 è stata la volta di “Venezia e gli Stranieri”, il 1985 ha visto il gemellaggio tra Parigi e Venezia, due tra le città più famose del mondo e due delle mete più ambite da parte dei viaggiatori che hanno sempre sognato di legare alle due città almeno una delle immagini della loro vita.

Nel 1994 il tema è stato quello dell’Oriente e delle Cineserie.

Nel 1998, il Carnevale fu dedicato a Giacomo Casanova per ricordare il bicentenario della sua morte: periodo naturalmente caro a Casanova, il Carnevale con il suo spirito raffinatamente culturale e licenzioso, cosmopolita e libertino, tipico degli ambienti di fine Settecento è senza dubbio il periodo migliore, anno per anno, per ricordare il celeberrimo avventuriero veneziano.

Il 2003 ha visto un Carnevale omaggio a Federico Fellini, regista visionario e fantasmatico, in occasione del decennale della sua morte.

Il titolo del Carnevale 2004 è stato ORIENTAL-EXPRESS-Viaggio in Maschera sulla Via della Seta con quattro Paesi coinvolti: Thailandia, Cina, Giappone, India.

Il tema del Carnevale del 2006 è stato “Il Drago e il Leone”, legato alla Cina e agli spettacoli teatrali. Le manifestazioni legate alla festa si sono svolte dal 17 al 28 febbraio 2006.

Il Carnevale 2006 è stato un tourbillon di eventi e feste private. Il programma ha accontentato tutti: i bambini, con feste e attrazioni lungo le calli e in Piazza San Marco, gli adulti con le prestigiose feste all’interno dei Palazzi Storici della città.

Il Carnevale di Venezia 2012 è stato dedicato alla teatralizzazione della vita quotidiana, il titolo è stato “LA VITA E’ TEATRO. TUTTI IN MASCHERA”

In occasione della famosa kermesse, Venezia si è trasformata nella capitale europea del teatro, così com’era in tempi passati, una vera fucina di produzioni teatrali di altissimo livello. Personaggi del calibro di Antonio Vivaldi o di Antonio Guardi, Il Canaletto, ricoprivano un ruolo importantissimo nelle scenografie di importanti allestimenti teatrali.

E’ stato un Carnevale attivo e pulsante in cui sono stati forniti tutti gli stimoli possibili per lo sviluppo della creatività, l’ idea di questo carnevale è stata:

“L’essenza del Carnevale è il mascherarsi, il teatro è la rappresentazione della commedia umana e dei suoi infiniti caratteri. Ogni individuo impersona nella propria esistenza molteplici ruoli e il Carnevale li può magicamente riassumere grazie alla condizione di extraterritorialità dei ruoli sociali imposti o subiti, riprendiamo l’antica usanza per cui il tempo del Carnevale coincideva storicamente con la stagione teatrale cittadina”

Hanno detto dell'amore...

Amare non significa guardarsi negli occhi, ma guardare insieme verso la stessa meta.
A. De Saint-Exupéry